Trattamento Preventivo & Rieducativo nella Scoliosi a indicazione chirurgica

L’importanza del trattamento Preventivo & Rieducativo è dimostrato nelle seguenti radiografie.

L’intervento lo si è già visto, comporta un discreto riallineamento del rachide e una sensibile diminuzione delle curve.Quando possibile,è utile che la mobilizzazione avvenga gradualmente. Una colonna preparata durante mesi di esercizi si lascia modellare senza difficoltà.

Un rachide traumatizzato da un giorno all’altro risponde molto meno alla trazione e consente al chirurgo una correzione minore con un rischio maggiore(figura 3.53). Va ribadito in proposito, che la mobilizzazione “attiva” (insistiamo per evitare di essere fraintesi ,sul termine “attiva”),protratta per alcuni mesi e se possibile per qualche anno,predispone la colonna consentendo in sala operatoria una riduzione proporzionalmente e nettamente maggiore rispetto a quella ottenibile senza trattamento preventivo (figura 3.54)

Le radiografie ne sono una dimostrazione.

scoliosi sitoscoliosi 2

Per quanto riguarda dunque il tema della nostra trattazione, l’importanza  della componente chinesiologica, dell’esercizio correttivo finalizzato, si articola in tre successive fasi:

  1. La preparazione all’intervento (senza gesso o con il gesso riduttivo)

  2. Esercizio nel gesso dopo l’intervento

  3. L’ importante recupero motorio nei piani del movimento dopo la rimozione del tutore