Il Ginocchio un Equilibrio Perfetto ma…

a cura di: Dr Giovanni Pulisciano

 

Analizziamo l’articolazione patella-femorale e femoro-tibiale.

Alcuni aspetti dell’articolazione del ginocchio molto sottovalutati sia nei soggetti sedentari che sportivi, i quali possono portare ad Infiammazione e Osteoartrite. 

In un ginocchio normale i punti di contatto dell’articolazione femorotibiale devono coincidere permettendo una corretta biomeccanica.

 

Schermata 2019-05-08 alle 22.33.38.png

 

Questa immagine ci permette di capire, che basta una piccola alterazione (nell’anca o nella colonna vertebrale) delle forze, per modificare il sistema di scivolamento di questa articolazione e non solo, esprimendo cosi forze differenti che andranno ad usurare il nostro ginocchio.

Gli studi hanno dimostrato che l’asse circolare corrisponde meglio ai punti di contatto sulla superficie della tibia. Ad ogni angolo di flessione, i punti CC vengono trasferiti inferiormente attraverso la superficie tibiale PP.

Il sistema di assi nella tibia può essere definito come:

– una linea attraverso il condili posteriori CC

– una linea perpendicolare anteriore TT,

– una linea verticale attraverso le coordinate T.

Per una gamma di flessione di 15 °, gli spostamenti superiori e inferiori sulla rotula sono segnati. Si nota che per questa gamma di flessione, da 75 ° a 90 il punto di contatto è superiore sulla rotula.

Schermata 2019-05-08 alle 23.08.30.png

Al contrario, all’inizio della flessione, il punto di contatto è distale sulla rotula.

Questo transfert si distribuisce le aree di contatto sull’intero superficie della rotula durante la flessione e agisce anche per modificare il braccio di leva del quadricipite, che è essenziale per il controllo efficiente del movimento del ginocchio.

Nella prima flessione, la rotula di solito contatta il femore sul periostio sopra la sua superficie portante della cartilagine. Questo non causa problemi
perché anche se la forza del quadricipite è alta,  la forza compressiva sulla rotula contro il femore è piccola.

Da 30 ° a 90 °, il contatto si verifica a entrambe le sfaccettature laterali e mediali della trachea femorale, fornendo stabilità sia mediale che laterale.

Tuttavia, ci sono casi in cui la rotula può sublussare  lateralmente, causando dolore e instabilità.

Questo succede se l’angolo Q è troppo grande, portando ad una forza laterale in eccesso
sulla rotula, una troclea laterale troppo superficiale, e
uno squilibrio nelle forze del vasto mediale e laterali.

L’angolo Q è definito sul piano frontale con il ginocchio
in estensione come l’angolo tra il retto femorale e
il legamento patellare. Oltre la flessione di circa 90 °,
la rotula percorre la tacca intercondilare del femore
e il contatto si divide tra la parte mediale e laterale.

Nella maggiore flessione, la rotula si abbassa tra tra i condili-femorali riducendo la tensione del quadricipite.

www.clinicadellasalute.com
www.miodottore.it

Dr. Giovanni Pulisciano

#Bologna#Imola, Italia 🇮🇹

#ClinicaMagnasalud-Ospedale Privato C/V. Martir 52 Valencia,Spagna 🇪🇸

#ClinicadellaSalute-Studio Specialistico in Patologie Croniche Via G. Pasiello 27 Barletta, Italia