L’esercizio fisico incrementa il circolo collaterale coronarico

Quasi tutti sanno che con la pratica di un’attività fisica regolare il cuore diventa più robusto

Un cuore allenato pompa una quantità di sangue maggiore senza dispendio supplementare di energia: 10 battiti cardiaci in meno al minuto significano 5.256.000 battiti all’anno risparmiati.

Ma ultimamente arriva un ulteriore e meravigliosa conferma: L’esercizio fisico incrementa il circolo collaterale coronarico

                                                               

Coronary collateral growth induced by physical exercise results of the impact of intensive exercise training on coronary collateral circulation in patients with stable coronary artery disease (EXCITE) trial. Möbius-Winkler S, Uhlemann M, Adams V, Sandri M, Erbs S, Lenk K, Mangner N, Mueller U, Adam J, Grunze M, Brunner S, Hilberg T, Mende M, Linke AP, Schuler G. Circulation. 2016;133:1438-1448.

Seena Padayattil Ricercatrice presso il Dipartimento di Cardiologia dell’Università di Padova hanno finalmente comprovato che la presenza di circoli collaterali attenua l’entità d’ischemia miocardica e riduce la sintomatologia anginosa. L’esercizio fisico può aumentare la funzionalità dei circoli collaterali. Tuttavia gli studi che sono riusciti a documentare questo dato sono molto scarsi. Ora uno studio monocentrico, randomizzato, The impact of intensive exercise training on coronary collateral circulation in patients with stable CAD (EXCITE) trial, dimostra un aumento dell’indice di flusso collaterale (CFI) valutato con l’angiografia.

Lo studio ha incluso 60 pazienti con angina stabile e malattia coronarica critica di almeno un vaso con (fractional flow reserve) FFR <0,75. I pazienti sono stati divisi in tre gruppi: esercizio fisico intenso, esercizio fisico moderato e “standard care”, e sono stati seguiti per quattro settimane.

I pazienti del gruppo di esercizio intenso e del gruppo di esercizio moderato hanno mostrato un miglioramento di CFI del 39,4% e del 41,3% rispettivamente, mentre nessuna differenza è stata documentata nel gruppo di standard care. L’incremento di CFI è risultato statisticamente significativo per i primi due gruppi (p = 0,005 e p = 0,004 rispettivamente) quando questi sono stati confrontati con il terzo gruppo, inoltre tra i primi due gruppi non si sono notate differenze significative. Per di più l’ergospirometria ha dimostrato un aumento della capacità funzionale e della soglia ischemica e una riduzione dei sintomi di angina nei gruppi sottoposti a esercizio fisico. Durante le quattro settimane di follow-up non si sono registrati eventi cardiovascolari maggiori (morte, infarto miocardico, ictus), aritmie, emorragie, complicanze vascolari o insufficienza renale.

In conclusione, il trial conferma che l’attività fisica moderata e costante è efficace per migliorare il flusso coronarico.PADAYATTIL-Excite-f1-600x450

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...